A.D. 2014 - le solite mostre?

Discutiamo di Mostre Ornitologiche, pubblicizziamo eventi collegati al Mondo Ornitologico.

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi Giovanni Foti il 5 luglio 2014, 15:54

Adesso ci capiamo - Davide!! :D :D :D
Il problema è, essenzialmente, questo - non sappiamo cosa succede!
Ma questo è un problema atavico di moltissime federazioni in Italia ( a cominciare da quelle sportive)!
Chiediamo allora, ufficialmente, di conoscere lo stato dell'arte rispetto al progetto programmatico di questo CDF!



Riguardo le spese:
è semplicissimo controllare - il bilancio FOI è un atto pubblico. Sono state distribuite centinaia di copie del bilancio all'assemblea di aprile e ai presidenti d'associazione. Si può richiedere una copia alla segreteria.
Io ho avuto modo di vederlo. Era molto dettagliato.

Quando rientro a Roma(ad agosto) vedrò di recuperarlo per darci un'occhiata!!
Se ancora non li ho buttati, vi posterò i (numerosi) dépliant che pubblicizzavano la premiazione in oro- nel 2013!

Scusami, Non avevo capito che quella delle cene, per "Parenti ed Amici", era una battuta! :D :D :D


Saluti

Gianni
La libertà non è un fine, è un mezzo. Chi la scambia per un fine, quando la ottiene non sa che farsene.
Nicolás Gómez Dávila

foti.gianni@yahoo.it
Avatar utente
Giovanni Foti
 
Messaggi: 30
Iscritto il: 3 febbraio 2014, 14:09
Località: ROMA

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi alex&mauro il 7 luglio 2014, 13:47

Un grazie sentito a Maurizio che approva il mio tema che, evidentemente, si sta depistando perchè non si capisce che una piazza è il luogo dove intavolare dei discorsi generali. Non discuto il battibecco tra Giovanni e Davide che pur arricchisce l'argomento, ma trovo lento il fatto che si cerchi di volta in volta di accreditare sia una responsabilità, sia una giustificazione alla stessa.
In linea di massima concordo più con Davide e non capisco perchè si debba trasfondere le sensazioni come capi di imputazione, come dire "le ipotetiche mezze verità" a cui si fa riferimento appaiono come reticenze. Non siamo in un processo e non dobbiamo fornire testimonianze. Siamo nella condivisione di un unico intento e ci esponiamo (a differenza di molti) sull'analisi di quelle che sono le personali esperienze.
Davide ha le sue. Giovanni le proprie. Io? ... Da aver deciso di stare in piccionaia ad osservare.
Nessuna esperienza deve servire a trovare un responsabile del misfatto (se di misfatto si dovesse affermare) o la risoluzione al problema.
Un CDF è operativo (dicono da due mesi e mezzo - da quel che so io per esperienza diretta l'operatività è molto più longeva). Però, si sta parlando di mostre e onestamente non ho visto una sola riforma o una procedura di riforma. Se Giovanni ci garantisce che in tutte le federazioni succede la stessa cosa (mutismo?), allora inutile parlarne, torniamocene ai nostri allevamenti e facciamo come suggerisce Cirino, aspettiamo per dire "l'avevo detto io".
Invece, mi soffermerei a capire a cosa sia servito il rinnovamento della rivista dove, essendo lo strumento uso istruzioni per gli allevatori/soci, non contiene assolutamente nulla. E mi chiedo a cosa sia servito investire una somma ESAGERATA per il sito web quando questa dovrebbe tradurre il sinonimo di tempestività, come dire real time.
Tornando alle mostre. Qualcuno mi sa spiegare perchè qualche anno fa eravamo obiettabili per la presenza snaturata di esposizioni Internazionali, a tal punto da derogare i regolamenti per nominare ulteriori giudici internazionali?
Mi sanno dire che fine faranno questi nuovi giudici internazionali se, di fatto, la l'offerta non soddisfa più la domanda. So bene che possono giudicare in qualsiasi mostra, ma qualcuno sa garantire un'offerta continua a soddisfazione della domanda?
Cosa si sta facendo? ... Eppure i progetti c'erano (a parte il trasfigurare un circuito in un lotteria a premi).
Crovace mi diceva che attualmente i giudici sono in esubero e non si relazionava alle mostre, ma ad un programma in funzionale, quanto ottimale, attività.

Visto che si invocano le esperienze dirette. Quest'anno ho già ricevuto due inviti da parte di presidenti. Uno mi ha detto: "Mauro se non vieni alla mia mostra ci resto male". L'altro invece: "Sto per fare nella mostra un progetto che riguarda una determinata cosa, mi daresti una mano?".
Evidentemente sono due opposte situazioni e non credo di poter dare il mio contributo alla prima richiesta, per cui ... LA FOI DIA DELLE LINEE GUIDA ALLE ASSOCIAZIONI, altrimenti assisteremo al calo repentino delle presenze.
La FOI si deve rendere conto che per andare aldilà del fiume ha bisogno di tutti, ALLEVATORI IN PRIMA FILA, e non del solito metodo che ormai è più giusto mandare al deposito. Ci sono tre giovani consiglieri. Molto bene. Ok aspettiamo, ma attenzione di stare ad aspettare di mandarli al deposito insieme a tutto il movimento. In tal senso ci stiamo dentro anche noi, per aver avuto la pazienza di aspettare.
Allevamento del Canarino di Colore alex&mauro MONTANARO
Siamo presenti nelle importanti mostre
Tel. 333 2183688
email: info@hobbycanarini.it - http://www.hobbycanarini.it
Avatar utente
alex&mauro
 
Messaggi: 4661
Iscritto il: 18 agosto 2008, 13:38
Località: Chieti - Abruzzo

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi Occhipinti Davide il 8 luglio 2014, 8:50

Io parto dal presupposto che chi ha tempo non deve perdere tempo. La domanda sorge spontanea: perché si sta perdendo tempo a questo punto? Non credo si stia lavorando a qualcosa a parte il lavoro encomiabile di Crovace, altrimenti sarebbe trapelato come tutte le indiscrezioni, per cui non la metterei sul piano della poca trasparenza, considerato che più che quella si rinnova l'immobilismo e il detto che ci sta stretto "Italia: uno lavoro e tre lo osservano!".
Sono mesi e mesi che si parla di responsabilizzare le associazioni, sì, ma mediante la FOI che ne deve coordinare le attività e coadiuvarle se servisse. Le linee guida rientravano in una proposta che la FOI avrebbe dovuto tenere ben in considerazione per la futura sopravvivenza della stessa. Certo, è più comodo fare 2 che 10, ma perché se in una scala da 1 a 10 potremmo fare 10 quando ci accontentiamo del 2?? È questo che mi stranisce ieri come oggi, perché a prescindere da tutto non è onesto nei confronti di nessuno né poi possiamo realmente dire che siamo la prima Federazione del mondo: dove, come, quando e perché?

Questo voler a tutti i costi mettere delle toppe ad un sistema che non funziona più, non è soltanto deleterio, ma gli effetti si possono toccare con mano e agli occhi di tutti si continua ad andare giù al punto da far sparire quasi la metà delle mostre dal programma nazionale. Sono molteplici le ragioni di questo effetto domino, ma è anche vero che in mezzo a questa situazione la FOI sta facendo nebbia, disinteressandosi completamente di questi problemi.
Je suis Charlie
Avatar utente
Occhipinti Davide
 
Messaggi: 985
Iscritto il: 5 febbraio 2013, 17:56
Località: Ragusa (Rg)

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi alex&mauro il 8 luglio 2014, 10:12

Occhipinti Davide ha scritto:Sono molteplici le ragioni di questo effetto domino, ma è anche vero che in mezzo a questa situazione la FOI sta facendo nebbia, disinteressandosi completamente di questi problemi.

Obiettivamente, non credo che la FOI stia facendo nebbia. Credo che la FOI abbia più timore di rinnovarsi, perchè per rinnovarsi dovrebbe cambiare molti quadri e questo cambiamento fa terrore, specialmente in chi ha all'apice dei pensieri un determinata persistenza.
La previsione, tuttavia, potrebbe essere quella di una minore partecipazione alle mostre e anche di un minore mercato che sarebbe il termometro dell'ornitologia, ma facciamo le debite attenzioni. Probabilmente a Reggio Emilia (termometro del mercato) ci si adopererà più per l'esportazione, mentre il prodotto interno continuerebbe a far registrare un decremento di entità e anche di entusiasmo.
In tal senso le mostre dovrebbero apportare i dovuti correttivi. L'errore che si commette è quello di pensare che sono solo problemi delle associazioni.
Allevamento del Canarino di Colore alex&mauro MONTANARO
Siamo presenti nelle importanti mostre
Tel. 333 2183688
email: info@hobbycanarini.it - http://www.hobbycanarini.it
Avatar utente
alex&mauro
 
Messaggi: 4661
Iscritto il: 18 agosto 2008, 13:38
Località: Chieti - Abruzzo

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi Garanzini Carlo il 8 luglio 2014, 11:29

alex&mauro ha scritto:
Occhipinti Davide ha scritto:Sono molteplici le ragioni di questo effetto domino, ma è anche vero che in mezzo a questa situazione la FOI sta facendo nebbia, disinteressandosi completamente di questi problemi.

Obiettivamente, non credo che la FOI stia facendo nebbia. Credo che la FOI abbia più timore di rinnovarsi, perchè per rinnovarsi dovrebbe cambiare molti quadri e questo cambiamento fa terrore, specialmente in chi ha all'apice dei pensieri un determinata persistenza.
La previsione, tuttavia, potrebbe essere quella di una minore partecipazione alle mostre e anche di un minore mercato che sarebbe il termometro dell'ornitologia, ma facciamo le debite attenzioni. Probabilmente a Reggio Emilia (termometro del mercato) ci si adopererà più per l'esportazione, mentre il prodotto interno continuerebbe a far registrare un decremento di entità e anche di entusiasmo.
In tal senso le mostre dovrebbero apportare i dovuti correttivi. L'errore che si commette è quello di pensare che sono solo problemi delle associazioni.


Condivido al 100%
CARLO GARANZINI R.N.A. PD06
TEL. 3473423006
garanzinicarlo@gmail.com

AGATA ROSSO MOS ISABELLA ROSSO MOS ISABELLA PAST ROSSO MOS. ROSSO AV. MOS NERO QUARZO ROSSO e GIALLO MOS - BIANCO DOM
BRUNO OPALE GIALLO MOS e BIANCO DOM
Avatar utente
Garanzini Carlo
 
Messaggi: 336
Iscritto il: 27 febbraio 2009, 0:45
Località: MAGENTA (MI)

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi Occhipinti Davide il 8 luglio 2014, 11:36

Fare delle mostre e parteciparvi, implica dei costi a volte non indifferenti, specialmente se si decide di spostarsi o partecipare ai campionati più importanti.

Una delle cause che in mia opinione favorirebbe la dipartita dal territorio italiano delle medesime è una principalmente: nelle mostre minori i giudizi SEMBRANO differenti da quelle fatte nelle mostre più importanti, e questo se da una parte lo si giustifica con una partecipazione maggiore di soggetti nella stessa categoria in un'altra maggiore, dall'altra dà ragione a me quando dico che il giudizio a punti è INUTILE.
D'altro canto, vedersi premiare un soggetto a 94 per poi ritrovarselo altrove a 89 sebbene le condizioni ottimali di quest'ultimo, oltreché deleterio è assolutamente sbagliato sotto tutti i punti di vista. Allora, o ci si attiene realmente allo standard e si danno dei punti reali (saranno capaci i giudici?) o si passerà al giudizio a confronto affinché le cose funzioneranno meglio.

Vogliamo anche menzionare che molte mostre siano dei vicoli ciechi? Tutti hanno pensato alle premiazioni, ma pochi a fare mercato, e di conseguenza in quelle "poche" che rimangono, quante realmente si occupano di mostre mercato??? Vogliamo scommettere non oltre il 10% delle rimaste?

Per il resto posso solo dire che, nel mio piccolo, non spenderei troppo di questi tempi in una mostra. Molti non se ne sono accorti ma hanno incrementato le tasse non di poco in queste settimane, ci mancava tra le tante anche la tassa sulle multe! Delle quali oltre le 70 euro (esempio) dovrete pagarne 20 per lo Stato: che geni! (sono ironico) LA GENTE NON CE LA FA e chi ha la possibilità, bene per loro anche se non molti, ma chi non ce l'ha rinuncia senza pensarci troppo.
Je suis Charlie
Avatar utente
Occhipinti Davide
 
Messaggi: 985
Iscritto il: 5 febbraio 2013, 17:56
Località: Ragusa (Rg)

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi Dario Mazzone il 8 luglio 2014, 12:42

Occhipinti Davide ha scritto:Una delle cause che in mia opinione favorirebbe la dipartita dal territorio italiano delle medesime è una principalmente: nelle mostre minori i giudizi SEMBRANO differenti da quelle fatte nelle mostre più importanti, e questo se da una parte lo si giustifica con una partecipazione maggiore di soggetti nella stessa categoria in un'altra maggiore, dall'altra dà ragione a me quando dico che il giudizio a punti è INUTILE.
D'altro canto, vedersi premiare un soggetto a 94 per poi ritrovarselo altrove a 89 sebbene le condizioni ottimali di quest'ultimo, oltreché deleterio è assolutamente sbagliato sotto tutti i punti di vista. Allora, o ci si attiene realmente allo standard e si danno dei punti reali (saranno capaci i giudici?) o si passerà al giudizio a confronto affinché le cose funzioneranno meglio.

Se fosse vera la notizia della ratifica da parte del CDF del cosiddetto ex aequo, il problema potrebbe trovare una parte della soluzione, e non avrei di che biasimare la dirigenza FOI che, in questo senso, starebbe muovendosi sulla strada giusta. Certo, allo stesso tempo, non si può non dare ragione a Davide quando parla di inspiegabili quanto abnormi differenze di punteggi conferiti a stessi esemplari in differenti mostre. La soggettività dei giudizi ci può stare, e può dare corso a differenze di 1-2 punti, ma passare da un 94 ad un 89 credo sia inaccettabile sulla scorta di un criterio di giudizio che identifica, o dovrebbe identificare, inequivocabilmente lo standard di una determinata razza.
...fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza...
cell. 335 7545894
Allevo:
Satiné a fattore bianco - Isabella Pastello a fattore bianco
Agata Pastello giallo mosaico - Lizard
Avatar utente
Dario Mazzone
 
Messaggi: 814
Iscritto il: 22 agosto 2012, 14:11
Località: Taranto

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi Occhipinti Davide il 8 luglio 2014, 19:22

Sì Dario, perché in questi hanno è passato un messaggio tra gli allevatori che li ha sfiduciati non poco dal prendere parte alle "piccole mostre" anche di 1.000 e passa ingabbi: giudizi troppo generosi per arrivare ai punteggi previsti da una premiazione. Io piuttosto che esporre un soggetto da 89 e vedermelo premiare come un 92 punti, preferisco non esporlo poiché mi sento buggerato. Così come me, altre persone invece che sono rimaste dapprima illuse e poi deluse; fermo restando che la condizioni dei soggetti da mostra a mostra era rimasta immutata, per cui una differenza di 4 punti è inaccettabile, e l'errore massimo che permetterei io sarebbe UN punto (1) e neanche per scherzo due (2).
Bisogna conoscere bene gli standard di eccellenza e la specie in questione per poter dare dei punteggi utili e onesti, anche per non sviare gli allevatori dal lavoro non certo facile di selezione che impegna loro anni di programmi e combinazioni di linee di sangue per fissare quelle caratteristiche che ne determinano la famiglia vincente.
Il lavoro dei giudici non è facile così? BENE, evidentemente non è per chiunque un incarico così delicato, per questo si necessita una profonda conoscenza oltreché molta esperienza.
Je suis Charlie
Avatar utente
Occhipinti Davide
 
Messaggi: 985
Iscritto il: 5 febbraio 2013, 17:56
Località: Ragusa (Rg)

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi admauri il 10 luglio 2014, 13:27

Buongiorno
non credo, o meglio, non voglio credere che il motivo di sidaffezione alle mostre sia il "punteggio" riconosciuti a certi soggetti esposti. Credo che le cause siano molo più profonde e estese. Da quando frequento le motre vedo le "stesse faccie" che frequentano le stesse mostre senza nessuna novità, senza nuove modalità espositive...senza nulla di nuovo. Bisogna dare una svolta ma quest'ultima risulterà impossibile senza un nostro nuovo modo di pensare. Da organizzatore mi chiedo, forse mai come prima d'ora, cosa c'è che non va e dove potrebbe essere il punto cruciale....da dove iniziare a districare la matassa. Fose non ci siamo mai chiesti cosa interessa gli allevatori. Forse...
A volte mi sono sentito dire dagli espositori "non partecipo perchè gli anni scorsi non sono riuscito a cedere un solo soggetto"....se questo è il motivo ahimè...siamo ridotti male. La funzione delle mostre non è quella di creare le condizioni per poter liberare gli allevamenti dai soggetti eccedenti. E' un confronto sportivo!!! e come tale credo che ci dovranno essere in futuro delle regole comuni per tutti...premiazioni, ingabbi, software di gestione comune....categorie, circuiti di esposizione con classifiche comuni....esposizione con modalità maggiormente spettacolari. Ma tutto questo non può essere calato dall'alto...deve esserci una nostra proposta, una spinta....Non so...che ne pensate?
saluti maurizio adami VW83
Adami Maurizio (VW83)
giudice canarini di colore
admauri
 
Messaggi: 33
Iscritto il: 23 settembre 2009, 11:00

Re: A.D. 2014 - le solite mostre?

Nuovo messaggiodi Dario Mazzone il 10 luglio 2014, 14:09

Buongiorno Maurizio, personalmente, penso che per certi versi tu abbia ragione, ma non illuderti che per trovare i reali motivi di disaffezione sia necessario scendere molto nei meandri della mentalità dell'allevatore.
E' un discorso molto ampio, che meriterebbe una trattazione molto più approfondita e, se vogliamo, dettagliata a seguito di uno specifico studio statistico. La comunità degli iscritti alla FOI è estremamente eterogenea, e così come si possono trovare allevatori che non partecipano a causa della delusione (e confusione) provocata da inspiegabili differenze di giudizio, ne esiste una grossa fetta che non partecipa a causa della mancata vendita del surplus. Partecipare ad una mostra, magari lontano dal luogo di residenza, ha i suoi costi, e al giorno d'oggi è sempre più difficile pianificare con serenità certe spese per così dire voluttuarie. Se poi si considera il fatto che molti non riescono a rientrare nelle spese a seguito della mancata vendita dei soggetti, risulta molto facile concludere che è meglio restare a casa propria. Non è questione di essere ridotti male, è la semplice differenza che passa tra allevatori che possono permettersi di vivere il proprio hobby senza dare troppa importanza ai costi e allevatori che, se vogliono continuare ad allevare, devono necessariamente cercare di rientrare nelle spese sostenute durante l'anno.
Sono le due facce che contraddistinguono l'allevamento sportivo attuale.
Lasciamo da parte le considerazioni su tutti quelli che, invece, ne hanno fatto un mestiere e che, per ovvi motivi, devono seguire necessariamente le regole del mercato e su quelli che io chiamo i "chiagn' e futt'" (piangi e fotti) che sono tutti quelli che, pur avendo dei signori stipendi/pensioni, piangono miseria lamentandosi comunque.... questi ultimi sono quelli che non hanno mai ben compreso il vero senso del termine hobby o allevamento amatoriale sportivo.
Detto questo, ti domandi se ci siamo mai chiesti cosa possa interessare agli allevatori calandoti con umiltà nella veste di Presidente di Associazione.
Ti chiedo, ma i Presidenti non sono prima di tutto allevatori? Com'è possibile che non conoscano le necessità e i desideri degli allevatori? Perdonami Maurizio, le cose sono due, o sono io che non ho ben capito il senso della tua affermazione, oppure c'è qualcosa che non va a livello associativo.
Resta ben inteso che concordo pienamente sul fatto sia necessario rivedere tutto il comparto mostre, e che sia ancora più necessaria una piena presa di coscienza da parte di tutti, semplici allevatori e dirigenti di Associazione e Federali; se ne parlava ieri sera sul gruppo FB della FOI, e c'era qualcuno che ricordava con nostalgia i tempi delle premiazioni in oro paragonandole alle premiazioni attuali sicuramente più "povere". Ma di cosa stiamo parlando, caro Maurizio, quando c'è gente che vorrebbe le medaglie d'oro senza spendere un centesimo per l'ingabbio?
E le Associazioni dove dovrebbero trovare i soldi per delle laute premiazioni a fronte della continua contrazione del numero di iscritti? Forse in un retrobottega come Totò ne "La banda degli onesti"?
Ecco cosa intendo per presa di coscienza generale.
In tutto questo la FOI dovrebbe mettere allo studio delle nuove soluzioni per incentivare le nuove iscrizioni in primis e poi per far ritrovare un po' di mordente nella partecipazione alle mostre.
Un sondaggio d'opinione fatto tramite il sito internet (con tutto quello che ci è costato) potrebbe essere una buona opportunità per sentire che aria tira ai piani bassi.
...fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza...
cell. 335 7545894
Allevo:
Satiné a fattore bianco - Isabella Pastello a fattore bianco
Agata Pastello giallo mosaico - Lizard
Avatar utente
Dario Mazzone
 
Messaggi: 814
Iscritto il: 22 agosto 2012, 14:11
Località: Taranto

PrecedenteProssimo

Torna a Mostre ed Eventi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti

cron